. il-sarago-di-ivan-gonzales
 BACK   ...the right site for fishing lovers
IL SARAGO DI IVAN GONZALES

“Vidi che era un bel sarago, ma non pensavo che potesse superare i sei kg.”

Iván González ha superato il record Europeo e Mondiale con un esemplare della costa di Ferrol

Ferrol / La Voz, 14 ottobre 2015

Chi lo avrebbe mai detto a Iván González (Ferrol, 1981) che una giornata di pesca subacquea insieme a due suoi compagni del suo stesso, il Gruppo Bazán, sarebbe andata a finire con un record europeo e mondiale. Durante due immersioni ebbi la necessità di amici, saldatori al Navantia (cantiere navale della zona) per riuscire a portare a terra un sargo pizzuto (Diplodus puntazzo) di oltre sei chili, il più grande mai documentato. Il mio cuore arrivava almeno a 200 pulsazioni, non di meno.

Da dove sbucò questo esemplare?
Lo catturai il lunedi, verso le dodici e trenta e l’una di sera. Siamo andati a piedi sulla spiaggia di Lobadiz (Ferrol), e quindi a nuoto. Con la marea già per metà in aumento, arriviamo a Illas Gabeiras verso il lato meridionale dove c’è un fondale di 10-15 metri. Stavo pescando a aspetto quando vidi defilarsi due sagome.

Ti aspettavi un sarago da record?
La verità è che mi sembravano pesci di altra specie, salpe, per la precisione, che non sono tanto commestibili. Mi avvicinai e mi resi conto che erano due saraghi enormi. Sparai alla testa del più grande ma l’asta non lo attraversò. Per il colpo, rimase appoggiato al fondo, quindi risalii a prendere aria e a caricare il fucile. Al secondo colpo, lo presi.

Quindi, si notò che era da record?
Credevo fosse sui quattro chili, un buon esemplare, ma non certo che superasse i sei chili. I miei compagni di pesca, Diego Santiago e Fernando Conles mi dissero “questo hai da raccontarlo”.

E superò in tutto anche un campione come Pepe Viña.
Credo che egli catturò un esemplare di pressappoco cinque chili, e un Catalano, un altro di peso simile, mentre questo 6,160 chili.

Ma questo è veramente il più grande?
In ogni caso dobbiamo aspettare che arrivino i documenti per convalidarlo. Se li hanno inviati alla ESRA, che le certificazioni europee, e alla IUSA, che è l’organismo che determina il record mondiale. Con i tecnici con cui ho parlato, mi hanno confermato che è il più grande. La mattina dopo è stato pesato sulla bilancia del mercato di Ferrol e nella drogheria, che sono riconosciuti dalla Xunta, oltretutto, le associazioni riconosciute possono chiedere testimoni, foto, video...

Per tirare fuori un esemplare del genere ci vuole molta esperienza.
Sono un appassionato della pesca subacquea da quando avevo solo 11 anni, ma è solo negli ultimi tre che che lo pratico molto seriamente. Competo nel Circolo Galiziano e vado a mare sempre quando posso e il tempo me lo permette.

Il suo club è una buona palestra.
Nel Gruppo Bazán abbiamo i Campioni Galiziani per Società e il Campione del Circolo Galiziano Pablo Otero.

Una zona per pescare?
Dal Ferrol a Cedeira. Ci immergiamo a Prior, Campelo, a Herbosa, a Gabeira, a San Andrés... quanto più avanti, tanto meglio.

Quale sará il destino della sua bella cattura?
Lo va a esaminare un biologo della Xunta per determinare la sua età, e il perchè di un peso simile... sará uno studio completo. Ma la mia intenzione è quella di tenermelo e donarlo alla Stazione Biologica di A Graña o alla Società  Galiziana di Storia Naturale.